ANIMALI ANOMALI | L’espressione teatrale

ANIMALI ANOMALI
L’espressione teatrale è un’antichissima forma di comunicazione che si pone come scopo principale la rappresentazione delle emozioni. Nella Grecia del periodo classico la rappresentazione scenica doveva provocare la catarsi, una sorta di purificazione dell’animo. Il teatro ha svolto quindi, fin dalle proprie origini, una funzione propedeutica alla conoscenza di se stessi.

Animali Anomali ha come obiettivo principale quello di recuperare tale funzione. Il teatro in questo senso non è un obbiettivo ma è un vero e proprio strumento di sviluppo e crescita. Attraverso le tecniche fisico-vocali si sperimentano infinite espressività creative; le tecniche dell’improvvisazione teatrale aiutano l’individuo a “gettarsi” nella vita e a cogliere il momento.

Il gioco scenico permette ai partecipanti di mettersi alla prova e di rimanere “svegli” in scena. Questo tipo di allenamento si riflette inevitabilmente sulla vita reale.

Il ciclo di incontri è rivolto a coloro che vogliono approfondire le proprie potenzialità espressive, mettersi in gioco e superare le barriere psicologiche che impediscono di vivere davvero.

Animali Anomali è adatto anche alle aziende come attività di team building, problem solving ed incremento delle capacità gestionali e comunicative.

Animali Anomali si rivolge inoltre ai ragazzi tra gli 8 e i 16 anni: il gioco è protagonista e l’attenzione verso le emozioni diventa un supporto concreto per affrontare la vita con creatività e semplicità.

INSEGNANTI

CLAUDIO TAROPPI

Studia improvvisazione teatrale a Milano. Frequenta numerosi corsi di perfezionamento come voce e dizione, commedia dell’arte, mimo, clownerie e canto. Dal 2001 è protagonista di molti spot pubblicitari: Direct line, Peugeot 207, Citroen C3, Vodafone, Imetec e Focus. Nel 2013 incontra L’Accademia della Pietra e insieme a Giulia Rosei si dedica alla riscoperta del significato profondo del teatro e di crescita individuale attraverso l’arte della recitazione.

GIULIA ROSEI

Muove i primi passi nel teatro a Brescia, sua città Natale. Si diploma a Milano presso la scuola Arsenale con Ida Kuniaki e si perfeziona presso ScimmieNude con Gaddo Bagnoli. Affronta un intenso lavoro sul corpo attraverso lo studio sulla maschera neutra, del mimo, della Commedia dell’Arte, della bio-meccanica del corpo-voce e dello yoga. Approfondisce il teatro legato alla psicoterapia e con L’Accademia della Pietra concretizza quest’arte come strumento per accedere ad un diverso livello di coscienza.